Fuori piove? Ecco alcuni giochi creativi da fare in casa con i più piccoli

Se il cielo è sereno con i bambini si può uscire per una passeggiata, per i giochi al parco o per andare in bici. Se nevica, ben coperti,  ci si può divertire con quella coltre bianca che tanto affascina.  Ma se piove che si fa?

Questa settimana per la rubrica “Che cosa facciamo oggi?” ascoltiamo i consigli di mamma Flavia del blog Centrifugato di mamma e scopriamo attività divertenti salva pomeriggio nelle giornate di pioggia

 

PER BAMBINI di 1/2 ANNI ;

• Travasi

I travasi sono un grande classico delle attività al nido. Sono semplici ed immediati e nonostante vengano ripetuti più volte i bambini trovano sempre nuovi stimoli.

 

Mettete a disposizione materiali come pasta, fagioli secchi, riso normale o soffiato, … (se i bimbi sono piccoli usate materiali non tossici, in caso li mettano in bocca… ma teneteli sempre sotto controllo mi raccomando!)

 

Lasciate a disposizione alcuni contenitori. I bambini si divertiranno moltissimo a mettere dentro e fuori i materiali, travasare da un contenitore all’altro, agitare per sentire il suono prodotto,…

• Giochi per migliorare la concentrazione

In commercio ci sono tantissimi giochi di questo genere dai chiodini (adatti dai 2 anni), ai giochi montessoriani sulle allacciature,… Ma con pochi materiali reperibili a casa si possono intrattenere i bimbi per ore, anche i più piccoli!
Potete ad esempio usare alcuni spaghetti cotti al dente (ovviamente una volta che si son raffreddati ;)) e uno scolapasta e i bambini di divertiranno a far entrare ed uscire gli spaghetti dai buchini dello scolapasta. O usare degli stecchini e della pasta cruda da infilare.


Oppure potete creare una scatola d’incastri usando una scatola di cartone (tipo quella delle scarpe, o dei cereali etc) in cui avremo creato una fessura (tipo salvadanaio) e dei tappi di alluminio degli omogeneizzati  .

PER BAMBINI 3/5 ANNI

• Attività di manipolazione

Mia figlia adora pasticciare (come lo chiamiamo noi) da quando era piccolissima, ma è dai 2 anni in poi che ha iniziato a giocare coi vari impasti in maniera più strutturata. Basta veramente poco per creare un impasto da manipolare, stendere e modellare per divertirsi a creare di tutto e di più! Le ricette da usare sono tantissime, dalla semplice pasta di pane con solo farina e acqua, alla pasta di sale  che si può decorare in tanti modi diversi, ad esempio con decorazioni natalizie che ai bambini piacciono tutto l’anno. Qualche utensile come mattarello, formine per i biscotti, bastoncini di legno, conchiglie, forbicine di plastica, coltello e forchetta di plastica, etc… e soprattutto tanta fantasia!

 

• Inventare storie

Gli anni della scuola materna sono gli anni della fantasia e dell’immaginazione per eccellenza. I bambini amano inventare racconti, rivivere storie e rielaborare vissuti. Le storie e i racconti servono per esorcizzare paure e rivivere bei momenti. Ed è fondamentale coltivare questa propensione naturale quindi perché non sfruttarla per giocare quando si è chiusi in casa? Le possibilità sono tantissime.

Si può leggere un libro, disegnare o dipingere alcune scene del racconto. O ancora manipolarne i personaggi per creare i burattini dei personaggi e divertirsi poi a riprodurre la storia in un teatrino animato.
O ancora, potete decidere dei personaggi e un setting di fantasia e divertirvi coi bambini a inventare una trama nuova. E anche con questa storia nuova di zecca potete decidere di disegnarla o di metterla in atto.
O perché no, improvvisarsi attori e con pochi oggetti e capi che troverete in casa (una stoffa per fare un mantello, un mestolo può diventare lo scettro della regina,…) creare uno spettacolo degno dei più grandi teatri.


E perché non sfruttare anche ombre e luci? Potete variare il gioco anche creando dei personaggi stilizzati e un teatrino e raccontare la storia attraverso le ombre cinesi

Con un po’ di fantasia e soprattutto voglia di mettersi in gioco, passerete un pomeriggio divertendovi tantissimo insieme ai vostri bimbi!.
Buon divertimento

Vi sono piaciute queste idee?

Come vi dicevo all’inizio del post questa settimana a raccontarcele è Flavia del blog centrifugato di mamma.

Conosciamola meglio:
Milanese di origine, vagabonda di vocazione. Alterna varie esperienze tra animazione, educazione (in asilo nido, scuole di vario grado e centri anziani) e turismo. Dopo un’esperienza di 6 mesi in Egitto nel 2002 torno in Italia, apro e gestisco degli asili nido per 10 anni, mi sposo e sembra che ormai la vita abbia preso un binario sicuro e solido. Ma il sogno di lasciare di nuovo l’Italia rimane sempre vivo e neanche ben celato. Nel 2012 anche mio marito si convince e decidiamo di trasferirci in Repubblica Dominicana alla ricerca di caldo e di una vita più semplice e serena. Qui nel 2015 nasce la nostra bimba Priscilla ( protagonista delle foto di quest’articolo)… e con lei il blog Centrifugato di mamma. Nel blog acconto com’è essere mamma, com’è esserlo a 12 mila km dalle nostre famiglie e come viviamo in un luogo tanto diverso da quello da cui veniamo. E condivido volentieri l’esperienza acquisita in anni di lavoro coi bambini con altre mamme!
Scrivetemi, vi risponderò volentieri!

 

 


 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001.
L’ autrice, inoltre, non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti ipertestuali e il materiale fornito tramite guest post. Questi sono forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il sito fornisca questi collegamenti non implica l’approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità.

 

Autore dell'articolo:

Mamma a tempo pieno, maestra per lavoro, esperta in laboratori artistici e appassionata di libri, musei e fiori. Ogni giorno coloro le mie giornate narrando storie, giocando con il colore e aiutando chi ho vicino a narrarsi ad arte. Mi piace l'ispirazione che nasce per caso dal confronto con gli altri, da un'emozione o da un opera d'arte che risuona dentro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *