Penny Berry e la pozione magica … Il libro che sconfisse Harry Potter!

Caro Harry Potter,

ti scrivo perché le brutte notizie vanno date di persona. Ho letto Penny Berry e la pozione magica a un gruppo di ragazzini che hanno letto tutti i libri, hanno le edizioni speciali e i funko pop della tua saga e sarai triste di sapere che 7 su 10 alla fine hanno deciso di utilizzare Penny come eroina del loro progetto artistico e non te (come al solito).
Lo so Harry è un duro colpo, ma non ti abbattere sono certa che ci sono tantissime persone nel mondo che inorridiranno nel leggere questa lettera e saranno disposti a lottare per il tuo onore con il coltello tra i denti.
Tu però sei un maghetto sensibile e amichevole quindi ho voglia di presentarti questa ragazzina e di spiegarti che cosa tanto è piaciuto di lei

Penny Berry e la pozione magica

TITOLO: Penny Berry e la pozione magica

AUTORE: Lluìs Prats

ILLUSTRATORE: Giada Carboni

EDIZIONI: albe edizioni

Penny viveva con gli zii da babbana proprio come facevi tu tanti anni fa. La sua vita però era molto più felice della tua e lei non l’avrebbe voluta assolutamente cambiare. Durante le vacanze estive dei suoi 12 anni  però gli zii la mettono sul treno destinazione Scozia e la spediscono dalla nonna Octavia perché devono partire per un’importante missione di cui non possono parlare.
Penny non ha nessuna voglia di andare dalla nonna, che non conosce, e l’incontro con uno strano tipo che sembra volerle entrare nella mente sul treno certo non aiuta a sollevarle l’umore.
Per fortuna, l’intervento dell’erborista Calpurnia fa si che arrivi a casa della nonna sana e salva e da lì inizia l’avventura.
Su tutte le estati che la poveretta poteva scegliere si trova a casa Berry proprio in quella in cui il regno del male con arpie, draghi neri, troll, cancellamenti, e l’immancabile Innominabile (che se manca quello che storia fantasy è?) vuole sconfiggere il regno del bene, al cui comando c’è proprio la nonna di Penny.
La nonna, aiutata da centauri, nani, guaritori,… ha sotto casa una clinica per animali fantastici talmente affollata da far impallidire il bestiario fantastico di Coccole book.
La storia si sviluppa tra battaglie nella prateria degli unicorni, rapimenti, sotterfugi e la storia di Penny che scopre di essere un’astrosaura (che cos’è ti consiglio di leggerlo sul libro se no ti rovino la trama), ma soprattutto tra colpi di scena e rivelazioni sorprendenti scoprirà molti segreti sulla sua famiglia, sui suoi genitori e anche su sé stessa.

Che cos’è piaciuto ai bambini?

Come avrete capito questo è un romanzo fantasy che parla di battaglie, animali fantastici, famiglia e crescita. Già perché tra le righe vediamo anche il viaggio interiore di un’adolescente che cerca e trova sé stessa e modifica la sua visione del mondo e soprattutto il suo atteggiamento verso gli altri.
Il gruppetto con cui ho lavorato era composto da ragazzini dagli 8 ai 14 anni, veri appassionati di Harry Potter e di storie fantasy che qui hanno trovato: animali fantastici che non conoscevano, colpi di scena assolutamente inaspettati e problemi “adolescenziali” nei quali si ritrovavano molto ( sentirsi trattati da piccoli, voler scoprire da soli, voler scegliere le proprie vacanze a dispetto di ciò che dicono gli adulti,…)
La figura di Penny Berry ha poi affascinato tutti perché è un’eroina che ha paura, che pensa di scappare davanti alle difficoltà, ma si caccia nei guai alla velocità della luce quando è spalleggiata dai suoi amici.

A chi lo consiglio?

A chi ama i libri fantasy, perchè caro Harry è piaciuto molto anche a me, l’ho letto tutto d’un fiato come mi è successo con il tuo primo libro quando me l’hanno regalato dicendomi: “ Ho trovato questo, ha una copertina carina prova a vedere se ti piace”, perchè all’epoca eri nessuno virgola zero anche tu qui da noi.
A chi stà cercando un romanzo di formazione che tratti di argomenti di crescita, amicizia, presa di coscienza di sé,… in modo divertente e avvincente.
A chi vuol trovare un romanzo avvincente per condurre i propri ragazzi a letture più “da grandi” rispetto ai soliti albi illustrati o libri da 50 pagine.

Che cosa hanno creato i ragazzi vuoi sapere Harry?

Ok te lo dico. Hanno selezionato gli animali fantastici che più gli sono piaciuti, le caratteristiche più amate del personaggio di Penny Berry, o di te, che anche loro avrebbero voluto avere e hanno creato un disegno su un cartellone molto ampio in cui si sono ritratti attorniati con questi personaggi fantastici e in cui avevano le caratteristiche scelte. C’era chi curava un gigante, chi combatteva in groppa ad un drago, chi si addentrava nel bosco Oscuro in groppa ad un centauro,… ed alla fine sono stati gli altri compagni a raccontare la storia descritta. Sai qual è stata la parte più bella? Senza che dicessi nulla, alla fine di ogni storia ai ragazzi è venuto spontaneo dire che cosa collegavano al loro compagno: ad esempio: “ Elisabetta ha ovviamente scelto il momento in cui Penny cura il gigante perché lei si prende sempre cura di tutti…” e questo ha fatto nascere discussioni molto interessanti che in alcuni casi hanno portato i ragazzi a scoprire che i compagni avevano un’opinione molto più positiva di loro di quello che pensassero.

Ecco Harry ora sai tutta la storia, non sei arrabbiato vero?

Sono certa che sarai felicissimo di sapere che esistono ragazze con i poteri magici meno smorfiosette della prima Hermione che abbiamo conosciuto (che per fortuna poi è migliorata durante la saga) e se per caso volessi conoscere chi scrive questi bellissimi romanzi (perché sono certa ci sarà un seguito) ti lascio quest’intervista al simpaticissimo Lluis Prats lo scrittore e ideatore di tutto ciò che ti ho raccontato.

Un saluto da babbana
Silvia

Autore dell'articolo:

Mamma a tempo pieno, maestra per lavoro, esperta in laboratori artistici e appassionata di libri, musei, arte e fiori. Ogni giorno coloro le mie giornate narrando storie, giocando con il colore e aiutando chi ho vicino a narrarsi ad arte. Mi piace l'ispirazione che nasce per caso dal confronto con gli altri, da un'emozione o da un opera d'arte che risuona dentro di noi.

12 commenti su “Penny Berry e la pozione magica … Il libro che sconfisse Harry Potter!

    Roberta

    (5 febbraio 2018 - 13:44)

    Mi hai convinto! Sono sempre convinta che come Harry non ci sia niente ma sono pronta anche a cambiare idea!

      Ascoltando le Figure

      (5 febbraio 2018 - 14:53)

      Harry Potter è sicuramente un bellissimo libro, non voglio togliergli.niente…però dai un’alternativa ci voleva…almeno.per leggere qualcosa tra uno e l’altro😂😂😂

    NonPuòEssereVero

    (5 febbraio 2018 - 14:51)

    A me la prima Hermione piaceva un sacco 😂

      Ascoltando le Figure

      (5 febbraio 2018 - 19:31)

      Ahahah anche a me, ma I miei scolari mi hanno apostrofato dicendo:”per forza ti piace sei una maestra…” e ho già detto tutto 🙂

    FRANCESCA MARIA

    (6 febbraio 2018 - 14:45)

    deve essere molto carino =)

      Ascoltando le Figure

      (6 febbraio 2018 - 17:40)

      Si a me è piaciuto te lo consiglio anche come lettura per adulti, perché ogni tanto farsi raccontare le storie fa bene anche a noi no?😊

    Welda

    (6 febbraio 2018 - 15:46)

    Bellissimo post! Prenderò sicuramente questo libro sia per me sia per la mia Alice di 9 anni. Ora è intenta nella lettura del primo fairy oak ma non le sta piacendo particolarmente.
    Ci vuole un libro che la coinvolga e questo credo sia quello giusto!
    Bellissima scoperta il tuo blog ♥

      Ascoltando le Figure

      (6 febbraio 2018 - 17:43)

      Grazie gentilissima, la lettura è talmente soggettiva che in realtà non ci sono ricette, per questo sono sempre alla caccia di alternative alle letture più popolari…così tutti possono trovare il loro compagno di viaggio ottimale😊😊😊

    Sonia

    (6 febbraio 2018 - 17:36)

    Mi hai dato un ottimo suggerimento per il prossimo compleanno dell’amichetta del cuore di mio figlio. Compirà 8 anni ed è una appassionata di Harry. Credo che ne sarà molto contenta 😊

      Ascoltando le Figure

      (6 febbraio 2018 - 17:44)

      Ah beh, se poi è una bimba si immedesimerà ancora di più… i gusti letterari sono ovviamente soggettivi quindi poi, se ti va, sono curiosissima di sapere che cosa ne pensa😊

    Alessia

    (6 febbraio 2018 - 20:11)

    Questo è mio, adesso lo metto nel carrello di amazon e al prossimo ordine me lo leggo. Sono un’appassionata di letteratura fantasy anche per ragazzi, grazieeee 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *