Tutto ciò che la maestra non ti dirà mai…

Titolo Tutto ciò che la maestra non ti dirà mai….

Autori  Noè Carlain, Ronan Badel

Illustrato da Ronan Badel

Editore La Margherita, 2017

Consigliato dai 5 anni

 

Si parla di maestre quindi la storia non poteva che iniziare in una classe.

Un bambino con l’aria furbetta sta scrivendo alla lavagna con i compagni che lo osservano tra l’attonito e l’annoiato.
Che cosa scrive?

Questo libro sembra un diario segreto invece è un elenco di affermazioni che dialogano con le illustrazioni. Lette tutte insieme sembrano affermazioni da paese dei balocchi, però se si osservano le figure qualche dubbio viene.

CHE MAESTRA TROVERETE IN QUESTO LIBRO?

La maestra di queste pagine dice frasi che in effetti dopo tanti anni di lavoro non ho mai sentito.
Prendiamo ad esempio questa:
Che cosa? Volete rientrare? Ma no, l’intervallo è cominciato solo un’ora fa!

I bambini quando la leggo fanno la Ola.
Ecco la frase che vorremmo la maestra dicesse ogni giorno. Eppure guardate le facce degli alunni nel disegno. Alcuni sorridono, ma molti sono attoniti e quasi preoccupati perché?
Forse perché dentro ogni alunno si insinua l’idea che la scuola ha senso se studi e impari? Star fuori a giocare è splendido ma poi?
E peggio ancora… che cosa sta facendo la maestra? Butta giocattoli fuori in cortile per non far entrare i bambini nella scuola. Ci piace una scuola che non vuole farci entrare? Che non ci guida nelle attività, ma ci lancia gli strumenti e ci dice: “Passatevi il tempo come volete, ma non disturbate”?
Suscitano invece molte polemiche tra i miei ragazzi, queste due pagine:

Soprattutto la seconda fa proprio arrabbiare. Parlare di premi con i bambini è sempre una cosa molto seria e pensare di premiare l’errore soprattutto quando si parla di una materia ostica come la grammatica dà proprio fastidio.
Io personalmente adoro questa immagine perché dopo l’indignazione crea sempre un dibattito interessante: chi dev’essere premiato a scuola? Per che cosa?
Se volete ascoltare frasi dai vostri alunni o dai vostri figli che non vi sareste mai immaginati questa è l’immagine perfetta. Provare per credere
Nonostante le improbabili scenette che propone questa strana maestra nel finale è lei che riprende in mano la classe e scrive alla lavagna:
Ma ciò che la maestra non dirà mai, proprio mai è:

PERCHE’ CONSIGLIO QUESTO LIBRO…

Amo questo libro perché è divertente, ma anche molto profondo ed è ottimo per iniziare un confronto in classe con gli alunni, ma anche con i genitori e gli insegnanti.

E’ un libro irriverente, ironico, ma allo stesso tempo profondo e ricco di significato. Si presta a molte interpretazioni e riflessioni e soprattutto lancia un messaggio che a molte alunni fa bene per affrontare la scuola con serenità: la maestra è in classe perché ci sono i bambini, perché vuol stare con loro in modo sereno e produttivo se no, come dico sempre ai miei alunni: “Si sarebbe già trasferita alle Hawaii a prendere il sole e leggere da mattina a sera”

E a voi cosa piacerebbe che dicesse la maestra?

 

Se cercate altri spunti interessanti per un dibattito in classe cliccate qui

 

Autore dell'articolo:

Mamma a tempo pieno, maestra per lavoro, esperta in laboratori artistici e appassionata di libri, musei, arte e fiori. Ogni giorno coloro le mie giornate narrando storie, giocando con il colore e aiutando chi ho vicino a narrarsi ad arte. Mi piace l'ispirazione che nasce per caso dal confronto con gli altri, da un'emozione o da un opera d'arte che risuona dentro di noi.

1 commento su “Tutto ciò che la maestra non ti dirà mai…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *