Giochiamo con i 5 sensi e i giochi di Kim

Nella scuola dell’infanzia e nei primi anni della primaria sono molte le attività che puntano a stimolare le capacità sensoriali del bambino e fargli prendere coscienza del loro nome e del loro utilizzo in modo giocoso e creativo.

In questo articolo partiremo dai giochi di Kim e poi scopriremo percorsi didattici e giochi legati ai 5 sensi

I GIOCHI DI KIM

Il gioco di Kim che potremmo definire classico serve per sviluppare la memoria e la concentrazione visiva.

Chi è KIM?

Molto utilizzato nello scoutismo prende il nome da un altro personaggio di Rudyard Kipling (padre di quel Libro della Giungla che fa da sfondo integratore all’esperienza scout).

Kim è il protagonista dell’omonimo romanzo ed il suo vero nome è Kimball O’Hara. Cresciuto fra le strade dell’india, ma orfano di un sergente del regimento irlandese, Kim riesce a confondersi fra gli abitanti del paese, e viene reclutato dai servizi inglesi nel Grande gioco (il conflitto tra Gran Bretagna e Russia per il controllo dell’Asia centrale).

Parte del suo addestramento consiste proprio nell’osservare una scena, e ricordarne tutti i dettagli a distanza di tempo.

Il gioco classico

Il gioco classico di Kim è quello di porre degli oggetti sopra un tavolo coperti, scoprirli per un breve tempo in modo che il giocatore possa osservarli, poi ricoprirlo e far scrivere o dire a voce al giocatore tutti gli oggetti che ricorda.

Il gioco si può fare singolarmente o anche in più persone, ma in questo caso è meglio farlo scritto.

Variante

Si possono inserire oggetti in una scatola o in una bottiglia di plastica, riempiendola poi con farina o trucioli per rendere la cosa ancora più difficile.

Fatto questo il gioco riassume le stesse caratteristiche di quello classico.

UDITO: KIM UDITO

Per Kim udito le varianti possono essere tre:

  • Si benda il partecipante e muovendo gli oggetti scelti gli si fa indovinare che cosa siano;
  • Si nasconde “Il capo” che muove gli oggetti in modo che nessuno possa vederlo, ma solo sentirlo. Il giocatore o i giocatori devono indovinare che oggetto sia
  • Si fa sedere il giocatore al centro con tutti i partecipanti disposti intorno su delle sedie. Sotto la sedia del giocatore viene messo un oggetto. I partecipanti devono riuscire a prendere l’oggetto senza essere scoperti, Il giocatore al centro, ogni volta che sente un rumore deve indicare da dove proviene e se indica un partecipante questo deve risedersi. (il giocatore vince se dopo un tempo definito nessuno è riuscito a sottrargli l’oggetto sotto la sedia)

OLFATTO – KIM ODORI

Dopo aver bendato il partecipante si scelgono oggetti dagli odori caratteristici, glieli si mettono sotto al naso e gli si chiede di indovinare di cosa si tratti.

GUSTO – KIM SAPORI

Sempre tenendo bendato il partecipante gli si fanno assaggiare cose con gusti particolari e gli si chiede di indovinare cosa siano.

TATTO – KIM TATTO

Se gli oggetti da indovinare sono “toccati” dai giocatori bendati, il gioco diventa “Kim al tatto”.

PROGETTI SCOLASTICI E DIDATTICA A DISTANZA

Oltre ai giochi di Kim, sono molte le attività che le scuole dell’infanzia e primaria creano ogni anno per parlare con i bambini dei 5 sensi.

Eccovi alcuni link in cui potrete trovare laboratori e materiali per una didattica a scuola…o a distanza

GIOCHI SUI 5 SENSI

10 GIOCHI DI GRUPPO SUI 5 SENSI

PROGETTO SUI 5 SENSI ASILO SCOTTI

PROGETTO SUI 5 SENSI SCUOLA DELL’INFANZIA

Spero che questo articolo vi possa essere utile e che vogliate condividere con noi le vostre esperienze riguardo ai 5 sensi e alla didattica a distanza

Altre attività per la scuola dell’infanzia le trovate QUI e per la didattica a distanza QUI

Altre attività per la primaria le trovate QUI e per la didattica a distanza QUI

Autore dell'articolo:

Mamma a tempo pieno, maestra per lavoro, esperta in laboratori artistici e appassionata di libri, musei, arte e fiori. Ogni giorno coloro le mie giornate narrando storie, giocando con il colore e aiutando chi ho vicino a narrarsi ad arte. Mi piace l'ispirazione che nasce per caso dal confronto con gli altri, da un'emozione o da un opera d'arte che risuona dentro di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *