Barcelona di david Pintor

In giro per Barcellona con David Pintor

Qualche giorno fa ho fatto un post in cui mostravo la collezione di sassi colorati della mia bambina e nei commenti alcuni di voi mi hanno scritto che vi facevano ricordare le case di Gaudì.

È proprio a questo artista e alla sua Barcellona che è dedicato il silent di cui vi parlo oggi che vi porterà in un magico viaggio per la città senza bisogno di spostarvi dal vostro divano.

Barcellona … giro artistico nella città di Gaudì

Per presentarvi il libro ho deciso di tradurvi (mi perdonerete se c’è qualche errore) le posche frasi che lo stesso Pintor scrive all’inizio del libro per introdurci nel suo viaggio

“Cammino per Barcellona e vengo a ricevermi centinaia di gabbiani.

Mi guidano per le strade e annunciano che il mare è qui, molto vicino e ciò che mi fa sentire come a casa.

Un mare che dà carattere alla città e diventa una parte di lei.

Continuo la mia passeggiata e vedo la luce del Mediterraneo che bagna tutta la città, la scuola, i balconi, entra nelle piazze, nelle palme, diventa di mille colori e fa prendere vita agli edifici di Gaudi.

Da Montjuic a Gracia, passando per l’Eixample, o il Barrio Gotic, propongo un viaggio illustrato particolare in una città dove la magia può apparire dietro ogni angolo.”

Alcune immagini del nostro viaggio

Proviamo anche noi a fare una piccola passeggiata per Barcellona attraverso alcune delle illustrazioni in doppia pagina che troverete nel libro

Perché leggere questo libro?

Barcellona è il secondo volume di una collana chiamata “Città” che David Pintor ha iniziato parlando di Venezia.

Come avete visto nelle illustrazioni in doppia pagina non troviamo solo un carnet architettonico, ma anche un febbrile movimento che ci porta ad osservare la città con l’occhio attento e non privo di poesia dell’artista.

Ovviamente essendo un libro senza parole non poteva mancare una tavola sinottica che ci aiutasse ad orientarci.

Penso però che la vera bellezza di questo testo sia la magia della scoperta che propone, siano gli occhi dell’artista che gioca con la città e la trasforma attraverso la sua fantasia e il gioco con i gabbiani.

Non è una guida turistica, ma un viaggio fantastico ricco di immaginazione, sguardo attento e voglia di andare oltre l’occhio per raccontare tutto ciò che una città può dirci al di fuori di ciò che vediamo.

Barcellona, Antoni Gaudì… e il mare

In questo racconto d’artista scopriamo le opere, i luoghi di ritrovo, gli scorsi di Barcellona riletti dall’occhio di Pintor che li trasforma, li ridisegna e ne crea anche improbabili musiche con un violino la cui melodia la possiamo solo immaginare.

Nel viaggio dell’artista il grande protagonista è il mare che a volte avvolge la città facendo volare i pesci in cielo e permettendo all’artista di muoversi in un mondo senza gravità a metà tra realtà e immaginazione.

Se Pintor è l’artista che ci guida in questo albo, pensando a Barcellona un altro artista ci viene in mente: Gaudì.

Antoni Gaudí i Cornet (Reus, 25 giugno 1852 – Barcellona, 10 giugno 1926) fu un architetto spagnolo ed il massimo esponente del modernismo catalano.

Di tale movimento artistico condivideva i presupposti ideologici e tematici a cui aggiungeva la propria ispirazione personale basata su forme naturali, che anticipò correnti come l’espressionismo e altre avanguardie tra cui il surrealismo.

Le Corbusier lo definì il «plasmatore della pietra, del laterizio e del ferro».

 Architetto estremamente fecondo ha caratterizzato con le sue opere molte città tra cui quella che più a lui si lega è Barcellona che ospita sette sue opere inserite nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO nel 1984.

L’idea in più

Di ogni viaggio che abbiamo fatto abbiamo portato a casa certamente qualche immagine e se oggi tali immagini si trovano su Instagram una volta le condividevamo attraverso le cartoline.

Pintor ci riporta in questo mondo ponendo infondo al libro cartoline del formato 24,5 x 16,5 che ripropongono gli scorsi barcellonesi del libro e che possono essere utilizzati come cartoline, essere incorniciati o magari essere proposti ai ragazzi per un confronto tra le immagini del libro e le fotografie reali di quel posto.

 TITOLO: Barcelona

Autore e illustratore: David Pintor

Casa editrice Kalandraka

Altri libri di viaggio li trovate QUI

Autore dell'articolo:

Mamma a tempo pieno, maestra per lavoro, esperta in laboratori artistici e appassionata di libri, musei, arte e fiori. Ogni giorno coloro le mie giornate narrando storie, giocando con il colore e aiutando chi ho vicino a narrarsi ad arte. Mi piace l'ispirazione che nasce per caso dal confronto con gli altri, da un'emozione o da un opera d'arte che risuona dentro di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *