Una vista supersonica : mettere gli occhiali non è più un problema

Qualche giorno fa alla figlia di una carissima amica è stato detto che dovrà mettere gli occhiali: tragedia! La bimba non ne voleva sapere. La mia amica era disperata, io ci penso un po’, perché quando lo dissero a me in terza elementare ero felicissima della cosa e i miei alunni a scuola ricevono talmente tante feste quando mettono gli occhiali che non mi sono mai trovata in situazione.

Un problema è un problema e bisogna affrontarlo quindi mi sono messa alla ricerca di un libro da regalarle per trovare spunti sull’argomento e ad aiutarmi è arrivata niente meno che la fantastica Tea Orsi che aveva scritto questo libro perfetto per la situazione

Facciamoci raccontare direttamente da lei questa divertente e utile storia…

Una vista supersonica: Il problema degli occhiali dipende dai…punti di vista

Il protagonista si trova al campo estivo e, fra un super quiz e una serata cinema, fa nuove amicizie. Tutti pensano che, quando scambia una persona per un’altra o sbatte contro gli alberi voglia fare lo spiritoso, ma ben presto scoprono che non ci vede bene.

Ed ecco arrivare il colpo di scena: lui lo sa benissimo e ha persino un paio di occhiali nascosti in valigia, ma si vergogna a portarli.

Per fortuna, i suoi amici hanno fantasia da vendere e organizzano un party dove tutti, ma proprio tutti, devono indossare gli occhiali, non importa se veri o di cartone. L’idea funziona alla grande, perché a volte le soluzioni migliori non sono complicate e perché, in fondo, i bimbi sono supereroi che possono rendere il mondo migliore, gioco dopo gioco, colore dopo colore.

Come nasce questa storia?

E’ una storia nata quasi per caso.

Il mio editore mi aveva commissionato sei libri per la collana di prime letture Lettori in Erba e la richiesta che avevo ricevuto era quella di parlare della quotidianità dei bimbi, dei loro piccoli grandi problemi e della creatività che spesso li contraddistingue quando si tratta di trovare soluzioni.

Insomma, serviva un pizzico di magia, la magia pasticciona del favoloso mondo dei bambini, l’incanto della loro fantasia sconfinata.
In realtà, questo unico input mi ha fatto venire subito tantissime idee.

Ho pensato a situazioni comuni, alla mia infanzia e alla vita delle mie bimbe e mi è venuto in mente un episodio abbastanza tipico, che spesso può rappresentare un problema per i più piccoli: la visita dall’oculista che si conclude con una scoperta spiazzante: bisogna mettersi gli occhiali!

A me è capitato proprio questo e ricordo ancora i pianti e gli stratagemmi che avevo escogitato per evitare di indossare quegli strani aggeggi che, a mio parere, mi rendevano brutta.
Nel mio caso, la soluzione era stata ben poco fantasiosa (dopo aver constatato che non riuscivo a guardare i cartoni animati, avevo dovuto rassegnarmi e inforcare i miei tanto odiati occhiali), ma per la mia storia volevo un finale speciale, una soluzione divertente, piena di amicizia, di risate e di pensieri felici.

 

Conosciamo meglio Tea Orsi

Tea Orsi lavora come autrice, scrivendo racconti per bambini e storie a fumetti per varie case editrici italiane e straniere, fra cui Disney, DeAgostini Planeta, Giunti, Mattel e Albe Edizioni.
Inoltre, è story editor e sceneggiatrice di cartoni animati: “Giulio Coniglio” “Yo-Yo” e “Bat Pat” sono alcune delle serie TV a cui ha lavorato recentemente. Vive a Parma con suo marito, due bambine e due buffi cagnolini, che le fanno compagnia mentre scrive.

 

 

Com’è finita la mia storia? Ha funzionato il libro?

Ho regalato il libro alla mia amica e ne ho regalato una copia anche alla maestra della bambina, che conosco molto bene, dicendole semplicemente che in tutte le scuole penso ci vorrebbero questo tipo di libri perché su centinaia di bambini i problemi possono essere moltissimi e questo tipo di libri aiuta

Entrambe leggendolo hanno pensato alla bimba in questione e ne è nato un progetto bellissimo: una festa di Natale in cui tutti porteranno gli occhiali ( proprio come nella storia) ed in cui chi ha davvero gli occhiali presenterà la storia che poi i compagni andranno ad animare

A quanto pare ora la bambina e i suoi compagni… non vedono l’ora

 

Se cercate altre letture per bambini di prima elementare: cliccate qui

Se cercate libri sull’accettarsi: cliccate qui

TITOLO: Una vista supersonica

AUTORE: Tea Orsi

Categoria: Educational

Casa editrice: DeA Planeta Libri (De Agostini)

Collana: Io leggo da solo

Pagine: 32

Autore dell'articolo:

Mamma a tempo pieno, maestra per lavoro, esperta in laboratori artistici e appassionata di libri, musei, arte e fiori. Ogni giorno coloro le mie giornate narrando storie, giocando con il colore e aiutando chi ho vicino a narrarsi ad arte. Mi piace l'ispirazione che nasce per caso dal confronto con gli altri, da un'emozione o da un opera d'arte che risuona dentro di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *