Mamma! Impariamo a contare!

 

titolo Mamma!

Autore e illustratore: Mario Ramos

Edizione Babalibri

Età consigliata. dagli 0 ai 6 anni

Quante volte i vostri figli piccoli dicono “Mamma” ogni giorno? La mia principessa di tre anni ripete questa parola come un mantra. Non sta chiamando me, spesso lo dice un po’ a caso e quando le rispondo mi guarda stranita e continua a giocare.
In casa tutti scherziamo su questa cosa e forse è per questo che appena arrivata in biblioteca la scorsa settimana la mia amica bibliotecaria mi ha accolto con questo libro.

Una casa popolata di animali e un bimbo che urla: Mamma!

La storia è semplicissima e divertente. Un bambino gira per tutta casa chiamando la madre. In ogni stanza in cui entra incontra degli animali: 1 ippopotamo, 2 leoni, 3 giraffe,… impegnati in attività domestiche quotidiane da essere umano.
Il bambino gira tutte le stanze continuando a chiamare la madre fino ad arrivare alla porta di casa, dove tra 10 topolini urla alla madre di cosa ha bisogno… e quest’unica frase del libro ne mostra tutta la genialità!

Perché lo consiglio…

E’ un libro adattissimo ai più piccoli per diversi motivi. Intanto essendo composto da pochissime parole si presta ad essere uno di quei racconti che il bambino fa al genitore dopo poche volte che lo ha ascoltato e questo a mio parere stimola tantissimo la lettura autonoma anche in fasi successive della crescita.
E’ un libro che strappa un sorriso grazie al finale paradossale. La prima volta che si legge si ha la curiosità di sapere che cosa vuole questo bambino, poi lo si rilegge volentieri per far un sorriso insieme.
Ed infine, come avrete già capito aiuta ad imparare a contare. Stimola nel bambino la capacità d’osservazione e l’associazione tra numero e quantità arrivando ad inserire anche il numero scritto nel riepilogo finale.
Ma c’è un’ultimissima cosa da sottolineare: aiuta a parlare dei comportamenti corretti e scorretti da tenere in casa e dell’uso del vasino. In ogni stanza gli animali fanno delle cose, ma pochissimi si “comportano bene”. Molti stanno mettendo a soqquadro la casa facendo giochi pericoli e arrivando perfino a spaventare il bambino e ho notato che questo i bambini lo evidenziano subito approcciandosi alla storia.

Autore dell'articolo:

Mamma a tempo pieno, maestra per lavoro, esperta in laboratori artistici e appassionata di libri, musei, arte e fiori. Ogni giorno coloro le mie giornate narrando storie, giocando con il colore e aiutando chi ho vicino a narrarsi ad arte. Mi piace l'ispirazione che nasce per caso dal confronto con gli altri, da un'emozione o da un opera d'arte che risuona dentro di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *