esprimi un desiderio Verba volant

Esprimi un desiderio – amore, adozione e sogni

Esprimi un desiderio è un libro molto poetico che racconta di sogni, d’amore e di adozione.

La storia inizia probabilmente la notte di San Lorenzo (che trovate QUI). Leo e Lia guardando le stelle cadenti s’incontrano, s’innamorano e cercano di esprimere il lor desiderio, ma non sempre le cose vanno come vorremmo… e forse a volte è meglio così

Fate le valige ed entriamo in questo mondo fatto di stelle, fili di ferro e sogni

Esprimi un desiderio: viaggio verso una stella

È una notte di tempesta e stelle cadenti quando Leo e Lia s’incontrano e confessandosi i propri sogni si riconoscono e s’innamorano:

“Nel punto più alto del cielo riconobbero la loro buona stella.

Chiusero gli occhi ed espressero in silenzio lo stesso desiderio.

Il bagliore di un attimo e si ritrovarono in volo”

Inizia così il loro viaggio insieme per esaudire il desiderio. Nonostante il loro amore e la tenacia con cui vogliono raggiungere la loro stella le cose non vanno come vorrebbero e presto arriva lo sconforto.

Sono però insieme e si fanno forza l’un l’altro finché non capiscono che è la visione del viaggio che è sbagliata. Giunti finalmente davanti alla stella quando lei dice:

“Rivelate il vostro desiderio. Io lo esaudirò”

Invece che esprimere il loro iniziale desiderio rispondono:

“Siamo venuti qui per conoscere il tuo”

Ed è proprio a queste parole che la stella si frantuma in tanti piccoli astri diventando una piccola bambina e… il resto lo faccio scoprire a voi

A chi lo consiglio?

È un libro molto speciale che solitamente propongo dai 9 anni in poi durante dei percorsi narrativi che includano anche un successivo confronto sul testo che possa mettere in luce le tematiche profonde che il racconto contiene.

È inoltre un libro che propongo spesso agli adulti che sanno andare oltre la metafora e sanno apprezzare sia il testo che le illustrazioni molto particolari.

Ecco autrice e illustratrice con il libro

Illustrazioni d’artista legate ad un filo

Oltre al testo di Anna Masucci molto significativo, poetico e ricco di metafore penso sia interessante soffermarsi un attimo sulle illustrazioni di Donata Curtotti

Lo sfondo nero colorato con pennellate bianche è ricco di stelle bianche e dorate e briciole di foglia d’oro che creano il pulviscolo astrale e uno spicchio di luna che fa capolino in un lato dell’immagine.

Su questo sfondo astrale si muovono i due personaggi creati con fil di ferro e tessuti. Il drappeggio della gonna di Lia e la sua borsetta che oscilla in diverse direzioni donano un movimento all’immagine e la rendono ancora più tridimensionale.

Completano le immagini particolari in tessuto che diventano nuvole, arcobaleni, case…

Tutte le immagini appaiono molto leggere ed eteree a parte la stella.

In ogni immagine infatti troviamo questa stella grande, piena, che dona pesantezza all’immagine e cattura la nostra attenzione proprio per questa contrapposizione. È un punto fermo, stabile a differenza dei personaggi che non fatichiamo a pensare in balia del vento a causa della loro leggerezza.

Una storia tante interpretazioni

Il bello della lettura è che ognuno di noi vi trova i suoi percorsi e le proprie interpretazioni, ho notato però, proponendo il testo in diversi gruppi letterari, che ci sono due tematiche ricorrenti che suscitano il dibattito.

L’adozione e i percorsi che arrivano ad essa

La prima è quella dell’adozione. Il testo suggerisce a quasi tutti quelli che l’hanno letto che Leo e Lia avessero come desiderio comune una famiglia e che, dopo vari tentativi fallimentari in questo senso si affidino alla loro buona stella ed esaudiscano il loro sogno proprio adottando la stella stessa.

Questo non è esplicitato nel testo, ma ci sono alcuni particolari che lo suggeriscono moltissimo.

Il desiderio e il raggiungimento della vera felicità

Come dicevamo rispetto alle immagini Leo e Lia sono corpi in sottili in balia del vento che lottano per arrivare ai propri desideri, ma diventano felici solo nel momento in cui escono dal bisogno e si affidano davvero alla stella.

Questo è un argomento molto interessante. Abbiamo parlato spesso di desideri (trovate i libri suggeriti QUI), ma come la psicologia ci suggerisce il desiderio è qualcosa che si riferisce sempre al passato o al futuro e porta con sé infelicità, minando la nostra autostima (come suggerisce Raffaele Morelli nei suoi testi) poiché il vero benessere si raggiunge solo riuscendo a vivere il presente. Agendo nel qui e ora, ossia nell’unico atto che possiamo davvero cambiare e solo quando riusciamo a far convergere i nostri pensieri il più possibile in questa dimensione temporale riusciamo ad essere felici e a realizzarci davvero


TITOLO: Esprimi un desiderio

Autore: Anna Misucci

Illustratore: Donata Curtotti

Casa editrice: Verba Volant

Autore dell'articolo:

Mamma a tempo pieno, maestra per lavoro, esperta in laboratori artistici e appassionata di libri, musei, arte e fiori. Ogni giorno coloro le mie giornate narrando storie, giocando con il colore e aiutando chi ho vicino a narrarsi ad arte. Mi piace l'ispirazione che nasce per caso dal confronto con gli altri, da un'emozione o da un opera d'arte che risuona dentro di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *